giovedì 31 ottobre 2013

Sole

                                                                                   foto carlozanzi



Sole

Si veste l'alba di una luce chiara.
Ritorna il primo sole, nuovo e antico
ed il passato invera, sveste aurora
d'umide nebbie, della notte amiche.

Tanto chiaro baglior spinge alla resa
ed è evidenza il mondo, acceso a giorno
da quel riflesso vero, dal calore
che scalda il gran mistero. Brilla il sole.

Carlo Zanzi   Un anno (Gabrieli editore-1988)

Parole nuove

                                                                                    foto carlozanzi



Sono un tipo molto abitudinario, si sa: non amo viaggiare, ho le mie abitudini, i miei ritmi, i miei riti. Però cerco parole nuove. Sento prediche sempre uguali, discorsi sempre uguali, le medesime lamentele, ripetitive descrizioni di vissuti e di prospettive, e probabilmente anch'io faccio lo stesso: vorrei altro. Ma non l'altro surreale, così lontano da me, così astratto e innovativo da restarmi estraneo. 
Vorrei parole nuove che descrivano, in modo semplice, le cose (essenziali) di sempre. Ciò che davvero serve per vivere.

Autunno

                                                                                   foto carlozanzi

Autün      di carlozanzi



Disperaziùn d’un ciel sura Varès:
piöö aqua malmustùsa, vilàna
e nebia, vent, cuèrta grisa e frègia.
Ul su l’è nàj, amìis senza culùur, slavà.

La cità fiàda ümid, bestèma,
sa süga i öcc, bagnà dula tristèza di gòtt,
sant quand hinn pòcch,
danàa sa gh’hann in mente da fa i stravìzi.

Incöö tass la mè tèra.
Ma disèdi; ghe no ‘l tic tòc
di dì pasà, né vent cùntra i vèdar
né burbutà da trun, né lüüs da saéta.

I stell gh’hinn anmò, gh’è la lüna,
böcc d’or in dul nègar dul ciel.
Spèci ‘l regiù di me dì
e lü ‘riva e mi ‘l salüdi e lü ‘l surìd.

Salti föra a fiadà ‘l bun dul matìn,
aria lüstra, viscura e…surpresa!
Ul bosch g’ha indòss ul vestì d’Arlechìn;
l’eva verd prima di piògg;
incöö, basà dal su, l’è giald e ross.

autunno 2001


 dalla raccolta 'Valzer par Varés' (2013-Pietro Macchione editore)




Autunno

Disperazione di un cielo sopra Varese:
piove acqua malmostosa, villana
e nebbia, vento, coperta grigia e fredda.
Il sole se n’è andato, amico senza colore, slavato.

La città respira umido, bestemmia,
si asciuga gli occhi, bagnati dalla tristezza delle gocce,
sante quando sono poche,
dannate se hanno in mente di fare gli stravizi.

Oggi tace la mia terra.
Mi sveglio: non c’è il tic toc
dei giorni passati, né vento contro i vetri
né borbottare di tuoni, né luce di saetta.

Le stelle ci sono ancora, c’è la luna,
buco d’oro nel nero del cielo.
Aspetto il capofamiglia dei miei giorni
e lui arriva e io sorrido e lui sorride.

Salto fuori a respirare il buono del mattino,
aria lucida, allegra e…sorpresa!
Il bosco ha indossato il vestito di Arlecchino;
era verde prima delle piogge;
oggi, baciato dal sole, è giallo e rosso.


                        





mercoledì 30 ottobre 2013

Meggy & Pillo sposi



La mia secondogenita Meggy (al secolo Maddalena Zanzi) e il suo ragazzo Pillo (al secolo Stefano Mirioni) si sposeranno il prossimo 7 giugno. Sono felice.

Cimberio-Asvel: 78/85 finale

                                                                                     foto simone raso



Certo l'assenza di Ebi Ere (foto) ha pesato, ma brucia la sconfitta in casa di Varese contro i francesi dell'Asvel. Questi i parziali: 19/22-37/51-57/67-78/85 finale. Non ho seguito la partita, so solo che Hassel ha fatto 12p con 11 rimbalzi, Clark 16p e Coleman 23p. Domenica a Varese arriva Avellino dell'ex Frank Vitucci. Sarà il momento di vendicarsi!
Forza Varese!

Cimberio Varese-Asvel Villeurbanne: 37/51 a metà gara



Terzo turno di EuroCup che parte malissimo per Varese, costretta a rinunciare al capitano Ebi Ere. Siamo sotto di brutto a metà partita: 37/51. La storica formazione francese del Villeurbanne ci sovrasta in ogni dato statistico. Speriamo che Varese risorga.

Il Parmigiano di Mariano



In verità il Parmigiano non è del mio amico Mariano (Lazzati), che vediamo in foto, a sinistra, insieme all'amico Gianni Spartà, ma della Fondazione Renato Piatti onlus. Si tratta del Parmigiano della Solidarietà, cioè Parmigiano Reggiano DOP (stagionatura 28/30 mesi) che la Fondazione mette in vendita per poter finanziare le sue molteplici attività, fra le quali l'acquisto della nuova sede di via Crispi. Confezioni da 1 kg (18 euro) e da mezzo chilo (9 euro). Chi vuole la confezione regalo natalizia, 2 euro in aggiunta.
E che c'entra Mariano? Per ordinare il Parmigiano (entro il 15 novembre) bisogna rivolgersi a lui, il generoso Mariano Lazzati (cel 348.3950042   mail  mariano.lazzati@email.it)

Beppe al Panathlon

                                                                                    foto carlozanzi

Ho saputo oggi dal mio amico Enrico Stocchetti che alla Conviviale Panathlon dello scorso 15 ottobre era presente anche il mio amico prof. Beppe Balsamo. Beppe, stimato docente di Scienze motorie e sportive a Castronno, è fra i massimi tecnici nazionali del salto in lungo e del salto triplo (lui, ex triplista), fiore all'occhiello dell'atletica varesina maschile, targata Cus dei Laghi. Con lui al Panathlon altri due allenatori di Varese, molto quotati: Fabio Pilori e Bruno Pinzin. 
Varese può vantare uno staff tecnico di prim'ordine per l'atletica leggera. Oltre ai già citati, ricordo Silvano Danzi, Alberto Cadonà, Sandro Torno, Alvaro Di Federico. 

Davanti alla culla

                                                                         foto carlozanzi



Anche per far trascorrere il tempo, in attesa della nascita della mia prima nipotina Rebecca (un po' pigra), ho ripreso in mano antichi fogli, con foto in bianco e nero. Nel 1987 cercavo di pubblicare una raccolta di poesie, corredata da mie foto in bianco e nero, che a mio giudizio avrebbero arricchito il volumetto. Il libretto uscì, senza foto, nel novembre del 1988. Titolo: UN ANNO (Gabrieli editore). La foto che vedete è stata scattata nell'ottobre del 1987, nella culla (che ospiterà Rebecca) dorme beata mia figlia Maddalena. E proprio guardando lei in culla è nata la poesia che pubblico qui oggi, semplice, del genere cuore che fa rima con amore, niente di che, ma dietro queste parole elementari dovete immaginare davvero un padre stupìto (in positivo).




Mai staccherei da te questi occhi vecchi,
attratti al nuovo d'infantile sorpresa.

La mia fame di Bello non si sazia
mentre spegni ed accendi le fessure
ch'aprono ignoto mondo alla tua vita.

Ti addormenti, il chiasso ti ridesta.
Alzi le mani al cielo. Mi sorridi.
Pare un grazie per me, padre stupìto.

martedì 29 ottobre 2013

Elio



Ciao Elio. Come vedi, non ti ho dimenticato. Facevo i calcoli, tu sei diventato nonno per la prima volta nel 1982, avevi 57 anni, esattamente la mia età attuale. Siamo diventati nonni alla stessa età. 

Il racconto del mercoledì



La croce
di carlozanzi


Siedo di fronte a mio padre. E’ sdraiato a letto, compirà novant’anni fra tre giorni, sopra di lui un crocifisso. Osservo la croce e faccio due conti. L’hanno comperata, lui e mia madre, più di sessant’anni fa, in un negozietto della Val Gardena. Non era ancora nato ma questo acquisto è stato motivo di molte narrazioni quando, ragazzi, si mangiava insieme. Ascoltata due o tre volte questa storia del crocifisso noi avremmo voluto passare ai giochi, sapevamo la trama, che mia mamma preferiva mettere sopra il letto grande di giovane sposa una Sacra Famiglia e mio padre una croce, chissà perché. Gli sposi non ancora graffiati dall’abitudine sanno trovare compromessi, così il compromesso era stato raggiunto: la Sacra Famiglia sopra la testa di mia madre, la croce sopra il cuscino di mio padre.
Guardo il muro (che avrebbe bisogno di una rinfrescata), della Sacra Famiglia si nota solo la traccia, lasciata dalla luce, il contorno di quel quadro, che mio padre ha riposto non so dove, dopo la morte di mia madre. Resta la croce.
Non ho mai saputo perché il vecchio (il vecchio di oggi) preferisse già così giovane quei due legni incrociati, con il Cristo gardenese che pende in avanti, perfetto nelle proporzioni, un drappo a coprire le vergogne (ma perché dovremmo aver vergona?), gli occhi chiusi, nessuna smorfia sul volto. Il loro ripetuto racconto si fermava in superficie. Oggi, se non avesse l’influenza, glielo chiederei. E molto altro domanderei a mio padre, ma forse una cosa su tutte, che non è una domanda ma un imperativo: insegnami a morire.
Lo osservo, respira a fatica ma è solo influenza, il medico dice che non c’è alcun pericolo, l’uomo che mi generò, in un abbraccio con la sua donna, ha novant’anni e insieme la gran fortuna di una salute che gli invidio. Non è certo in pericolo di vita, ma è cotto dalla febbre e non posso certo domandargli perché mi ha messo al mondo, costringendomi a morire.
Apre gli occhi, sorride, tossisce, vuole la mia mano, scotta, la sua mano destra è gonfia, pare un tizzone che arde.
Va a ca’” mi dice, poi zoppica in altra tosse, non riesce a continuare, mi butta in faccia un altro mezzo sorriso e socchiude gli occhi.
“C’è tempo” gli rispondo e capisco di volergli bene, perché non sto a disagio in quella camera senz’aria. Mi verrebbe da dire che mi siedo lì volentieri, e lui mi fa pena. Ripeto: non è in pericolo di vita. Mi fanno pena i suoi pensieri, perché ad altro non può pensare un uomo della sua età: sta arrivando, ormai. E forse riflette su un desiderio che oggi è il mio: ‘Devo sapergli regalare questa certezza. L’ho costretto a vivere, oggi gli dimostro che si può uscire con dignità, soffrendo ma senza soccombere, vinti dall’angoscia del nulla.’
La vita è questo quotidiano adattarsi alla morte. E il non pensarci è forse la forma più elementare e vincente. Ma quando si avvicina e ci presenta il foglio, che attesta la nostra resa, fingere di non vederla non è distrazione da uomini. A quel punto, quando i nostri figli ci guardano con le lacrime agli occhi, allora tutti devono dimostrare di essere eroi. Devono trattenere la paura (almeno una parte), devono soffocare l’angoscia (o quanto meno la parte peggiore), e noi dobbiamo capire che la speranza può reggere sino in fondo.
Perché il mio vecchietto scelse la croce? Per furbizia? Per saggezza? Aveva inteso che era meglio partire per tempo, giocare in anticipo, prevenire? Regalarsi l’incrocio dello scandalo, insieme all’ebbrezza della prima nudità condivisa? Goduta?
Go cald…damm un  gott d’aqua…”
S’è svegliato di nuovo. “Tieni” e gli porgo il bicchiere, lo reggo per la nuca, lui sorseggia, tossisce di nuovo. Gli tocco la fronte. Brucia. Gli porgo un panno umido, che se lo tenga in testa, temo che gli vada arrosto il cervello.
Lasa perd…al servìss a nagòtt
“Vedi tu” ma forse dovrei essere più impositivo, obbligarlo nonostante il medico minimizzi. Ma a dispetto dell’età difende la totale autonomia. Non vuole dar peso ai suoi figli. Sa di averci messo sul groppone un macigno. Quello basta. Ma il perso non è reggergli il capo e bagnargli le labbra; pesa che lui è solo un anticipo del nostro destino. Una prova.
Prende fiato, raccoglie ciò che resta dell’aria che hanno pensato per lui; la ricaccia di fuori, tramutata in un lungo sospiro che racconta di risposte impossibili: “Sa te vöratt fa cusè.”
Lo guardo e sorrido: “Già…”
“A cosa pensi?” mi chiede pochi secondi dopo che la pendola ha battuto i dodici colpi del mezzogiorno e sto pensando che forse è davvero tempo che vada.
A cosa pensi? Domanda inattesa posta da lui, tanto rispettoso dei nostri pensieri da sembrare distratto. Glielo dico? Mi confido? E perché me lo chiede? Mi sono tradito?
“A niente” e subito mi vergogno di quella menzogna.
Balòss” fa lui. “Vieni qua” e allunga le braccia.
Mi piego in avanti, lui alza le braccia e sfiora la croce, che sobbalza sul chiodo e finisce sul letto.
“Ta vöri ben.” Vorrebbe piangere ma si trattiene. Un padre non piange davanti ad un figlio. Non lo può spaventare.
Un padre è un eroe.


Questo racconto breve è tratto dalla raccolta 'Valzer par Varés' (Pietro Macchione editore-2013) 




  

Quelle scale, per 15 anni




Come è noto, i frati della Brunella se ne sono andati, hanno regalato alla Curia milanese chiesa e oratorio, mentre hanno cercato di vendere il resto dell'edifico (in foto) e il giardino. E ci sono riusciti, trovando un'ottima soluzione: tutto il complesso è stato acquistato dalla 'Fondazione Renato Piatti-Anffas'. Nascerà un 
CENTRO MULTISERVIZI PER LA DISABILITA' E LA FAMIGLIA. 
Per una quindicina d'anni, dal 1989 al 2004 circa, mi sono fatto a piedi i due piani di scale che portavano alla sede del Settimanale Cattolico 'Luce', la mia gavetta giornalistica. Una bella esperienza. Sono molto legato a questo casermone tipo Lego anche perché all'ultimo piano ha sede L'Istituto La Casa di Varese, dove lavora Carla. Sono molto felice per don Pino Gamalero, anima dell'Istituto La Casa, perché questa soluzione (da lui proposta) mantiene intatta la struttura e i servizi alla famiglia di quella realtà così importante. 
Una bella notizia per Varese: infatti stamani alla Conferenza stampa c'erano il Governatore della Lombardia Bobo Maroni, il Commissario Dario Galli, il borgomastro Attilio Fontana e il prevosto Gilberto Donnini. Don Gilberto Donnini, nel 1989, era il direttore di Luce, è stato lui ad accogliermi come praticante.

Il primo dubbio della vita

                                                                                    foto carlozanzi



Il primo dubbio della vita,
oscuro tarlo della mente,
è la sua giustificazione;
acide, poi, le parole scarnificano le immagini,
nere, nude orbite dell'inconscio.
Non ci persuade l'immeritata sorte
di chi esiste, "del vivere che è un correre alla morte".

Arnaldo Bianchi    ottobre '84   Paesaggi inattesi

Il faggio di elioanita

                                                                                     foto carlozanzi



Continuando nel mio giro alla ricerca degli alberi varesini, ecco un albero 'minore' ma a me caro, il faggio di elioanita, i miei suoceri, che domina nel giardino della loro villetta. Eccolo nel suo abito autunnale, non certo valorizzato da questa giornata scialba.

lunedì 28 ottobre 2013

Stravaccato sul divano



Mentre me ne stavo stravaccato sul divano, ascoltando ad occhi chiusi il silenzio dell'appartamento vuoto e attutiti rumori lungo la via, ho raffrontato due frasi evangeliche, che ben riflettono gli ultimi 40 anni più o meno della mia vita. Mi pare di essere passato dalla frase 'Chi vuol venire dietro a me rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua' alla frase 'ama il prossimo tuo come te stesso', dove c'è anzitutto la positività dell'amore verso se stessi, nei pregi, nei difetti, nei desideri, e quindi l'amore verso gli altri, che non riusciremo mai ad amare come noi stessi (nessuno ci ama meglio di quanto sappiamo fare noi per noi stessi) ma che in genere amiamo con piacere. 
Mi si dirà: non c'è contraddizione fra le due indicazioni evangeliche. Sarà, ma preferisco la seconda.

Sandro, l'inatteso

                                                                               foto premio chiara



Torno un attimo al vincitore del Premio Chiara 2013, Sandro Bonvissuto, sfruttando questa foto non mia. Ecco da sinistra Romano Oldrini, lo scrittore Sandro Bonvissuto, vincitore con la raccolta di racconti 'Dentro' (Einaudi), il presidente della Provincia Dario Galli e Bambi Lazzati. 
Sandro è al suo esordio, ma che fosse un ottimo scrittore lo testimonia il fatto che la sua raccolta è stata pubblicata da Einaudi. Perché per pubblicare da Einaudi o hai i santi in paradiso o sai scrivere bene. Ed è un esordio che sta dando molte soddisfazioni a Sandro: fra queste il Premio Chiara.

Classifica campestre seconde maschi



CLASSIFICA CAMPESTRE SECONDE MASCHI

1-CORTI STEFANO           2E  6’11”
2-ZANASCA ANDRES          2G  6’13”
3-MONGELLI EMANUELE       2E  6’19”
4-OVALLE STEVEN           2 A 6’22”
5-BIGLIETTO MARCO         2D  6’26”
6-ABBATE FRANCESCO        2 A 6’34”
7-LAIACONA FRANCIS        2H  6’35”
8-GENOVESE JACOPO        2C  6’36”
9-CAMURATI MARIO          2H  6’40”
10-TONANI TOMMASO         2G  6’42”
11-VALERETTO RICCARDO     2D  6’44”
12-TORRENTE BISHAL        2F  6’45”
13-REDAELLI GIORGIO       2G  6’48”
14-MARASCIULO GIACOMO     2F  6’59”
15-ZANETTA FEDERICO       2I  6’59”
16-BALLERIO STEFANO       2C  7’05”
17-CARBONE DANIELE        2B  7’07”
18-VILLA VITALIE          1C  7’12”
19-D’UVA ALESSANDRO       2E  7’12”
20-SOLARI FEDERICO        2G  7’14”
21-CAMPANALE NICOLO’      2H  7’15”
22-COTTINI LEO            2H  7’15”
23-DAVERIO GABRIEL        2 A 7’17”
24-MARONI NICOLAS         2D  7’25”
25-SETTIMO FERNANDO       2 A 7’26”
26-BIGANZOLI TOMMASO      2F  7’29”
27-COLLI DENNIS           2H  7’32”
28-FACHINI CARLO          2I  7’36”
29-DE DIONIGI TOMMASO     2 A 7’38”
30-INTRIERI KEVIN         1 A 7’38”
31-TRIACCA ANDREA         2 A 7’39”
32-COTTINI GIORGIO        2C  7’40”
33-TOLI EMILIO            2E  7’45”
34-SARNO MASSIMILIANO     2D  7’46”
35-ROBBIANI PABLO         2E  7’47”
36-CHIARULLI SIMONE       2C  7’48”
37-NICOLO’ ROSSI          2F  7’50”
38-FERRARIO GIACOMO       2 A 7’52”
39-TRIPODI DOMENICO       2G  7’54”
40-BIANCHI FEDERICO       2H  7’55”
41-BIANCHI TOMMASO        2 A 7’56”
42-BATTAGLIA ERIK         2 A 7’59”
43-CROCI FRANCESCO        2I  8’01”
44-CONTI LORENZO          2C  8’02”
45-MAY CARLO              2H  8’04”
46-ZAVAGLIA ALBERTO       2C  8’04”
47-BINDA MATTIA           2I  8’07”
48-LIGUORI MATTEO         2I  8’09”
49-BASSO GIANLUIGI        2 A 8’15”
50-GUIDOTTI LUCA          2I  8’18”
51-IVANAY VINCENZO        3H  8’25”
52-DOTTI LORENZO          2F  8’26”
53-SIRIVARDANA SATISKA    2F  8’27”
54-PALTANI DAVIDE         2F  8’32”
55-PERSENICO FRANCESCO    2D  8’37”
56-MIGLIORI PIETRO        2F  8’44”
57-FERRARA ANDREA         2 A 8’45”
58-PAGLIMI LORNZO         2 A 8’46”
59-GUAZZI JUAN DIEGO      2E  8’53”
60-BELFIORE ALESSANDRO    2E  8’56”
61-ANTONELLO FEDERICO     2F  9’04”
62-TONTA LORENZO          2D  9’05”
63-BRUSA LUCA             2D  9’06”
64-RIZZELLO PAOLO         2D  9’06”
65-CATTANEO GIACOMO       2E  9’14”
66-BOGGIO MARCO           2F  9’35”
67-LOMBARDO JACOPO        2 A 9’41”
68-GRIPPALDI LEONARDO     2F  9’50”
69-CARRAVETTA MATTEO      2E  9’53”
70-LAURI FILIPPO          2C  10’00”
71-BONARIA SAMUELE        2I  10’13”
72-IOMMAZZO FRANCESCO     2E  10’14”
73-BELLONE GABRIEL        2B  10’17”
74-PERIN LUCA             2I  10’18”
75-CACACE NICOLO’         2E  10’27”
76-MARKVUKAJ ANDI         2F  10’33”
77-DE MARCO LORENZO       2B  11’16”
78-DAL CORTIVO DANNY      2C  11’21”
79-MARRONI MATTEO         2B  11’34”
80-LOTTO GIULIO           2F  11’43”
81-SOKAJ VILSON           2G  11’56”
82-SAME IBRAHIN           2E  12’23”

83-CARDANO MATTIA        2I  12’25”

Andrea: 2 milioni e mezzo di lettori

                                                                                 foto carlozanzi


Torno un salto alla serata conclusiva del Premio Chiara, ieri sera in sala Napoleonica, per rendere omaggio al mio amico scrittore Andrea Vitali, che ha intervistato i tre scrittori finalisti. Abbiamo in comune, Andrea ed io, la stessa età e la circostanza di avere iniziato insieme l'avventura letteraria, io a Varese lui a Bellano, sul lago di Como. Solo che lui ha avuto successo da subito, io non ancora. Ma non sono invidioso, so riconoscere chi è più bravo di me. Agli inizi degli anni novanta abbiamo partecipato insieme al Premio Mont Blanc per romanzi inediti di giovani autori: lui ha vinto io no. Poi abbiamo partecipato insieme al Premio Chiara per raccolte di racconti editi: lui ha vinto io no. Poi è passato alla Garzanti e da lì è stato per lui un crescendo rossiniano: un romanzo all'anno, parecchie migliaia di copie vendute ogni volta. Andrea scrive al mattino e fa il medico al pomeriggio. Sulla fascetta del suo ultimo romanzo leggo: 'Vitali, uno scrittore da 2 milioni e mezzo di lettori'.
Bravo Andrea (detto il Piero Chiara del Lario), avanti così! 

Il cedro di Villa Ponti

                                                                           foto carlozanzi



Continuando nella mia personale ricerca degli alberi storici varesini, ecco il cedro dell'himalaya del Parco Ponti, a Biumo Superiore. 

domenica 27 ottobre 2013

Sandro Bonvissuto vince il Premio Chiara 2013

                                                                                          foto carlozanzi


E' Sandro Bonvissuto (un cognome beneaugurale) il vincitore del Premio Chiara 2013. Vince alla grande, 63 voti, ben 22 in più del 2°. E' quindi piaciuta alla Giuria popolare la sua raccolta di racconti 'Dentro', edita da Einaudi.

Premio Chiara 2013: 2° è Marco Vichi

                                                                                  foto carlozanzi



Seconda posizione per il giovane Marco Vichi. La sua raccolta di racconti 'Racconti neri' (Guanda) merita 41 punti.

Premio Chiara 2013: 3° è Mauro Corona

                                                                                       foto carlozanzi

E così il più noto dei tre finalisti (almeno al grande pubblico) arriva ultimo, cioè terzo. Mauro Corona guadagna 40 voti dalla Giuria Popolare, quindi ai suoi 'Venti racconti allegri e uno triste' (Mondadori) se ne aggiunge un altro poco allegro. 



Cimberio Varese-Umana Reyer Venezia: 84-72 finale





Varese porta a casa la seconda vittoria in campionato, batte Venezia, a fatica ma nella vita cosa si ottiene senza faticare? Da quel poco che ho inteso, grazie alla diretta di Damiano Franzetti per VareseNews, Clark ancora non ha convinto, meglio Hassel e soprattutto un grandissimo capitano. Ebi Ere illumina il finale. Ma torniamo indietro: 16/17 1° quarto, 39/38 2° quarto, 63/55 il 3° quarto con un certo distacco in avanti per Varese. Poi 68/60 per noi a -7', 72/66 a -2', dopo l'ennesimo tentativo di alleyoop fallito fra Clark e Polonara, e qui inizia la sagra delle triple di un gigantesco Ebi, tre di fila, che ricacciano in acqua i lagunari arrivati a -7 (75/68), e a suon di triple finisce 84/72 per noi. 
Forza Varese! Grande capitano!

Cimberio Varese-Umana Venezia: 39-38 a metà partita



Terza di campionato, il basket varesino Cimberio se la gioca con l'Umana Venezia, che abbiamo battuto la scorsa stagione ai play-off, quindi hanno il dente avvelenato e tramano vendetta. Siamo in casa ma a Casale Monferrato, ultima partita fuori sede, poi dal 3 novembre si torna al PalaWhirlpool e potrò tornarci anch'io. A metà gara siamo avanti di un punto, 39 a 38. Altro non so dire. Sarò più preciso in seguito.

Pomeriggio a Varese: don Carlo

                                                                           foto carlozanzi


Inizio il mio pomeriggio domenicale dalla chiesa dei Santi Pietro e Paolo in Biumo Inferiore. Ero qui trent'anni fa, per l'ingresso del novello parroco don Pino Tagliaferri, montagnino di Pagnona; desidero scattare almeno qualche foto al nuovo parroco don Carlo, ciellino. Il meteo invoglia al nulla, grigiotopo umidiccio, ma le campane ricordano che nella nuova chiesa parrocchiale, voluta dall'indimenticabile don Felice Guglielmetti, si fa festa, il prevosto Gilberto Donnini lo testimonia, la navata non ha posti liberi, sale l'incenso e il suono dell'organo Mascioni.

Pomeriggio a Varese: la pisciata

                                                                                   foto carlozanzi


Sono a pochi metri dalla chiesa dei santi Pietro e Paolo in Biumo Inferiore, dove si festeggia don Carlo. Ancora sento suono d'organo in lontananza. Un uomo è disteso vicino alla vetrina del negozio Ellepi di via Carcano. Mi avvicino, dovrei passare di lì, forse sta male, sono a pochi metri. Uno zampillo esce dal centro di questo fratello disteso sul nudo asfalto, sta pisciando, uno e poi un altro zampillo vigoroso. Mi allontano, lo fotografo, infine decido ora di non pubblicare quella foto, si, va bene così, non sarebbe riconoscibile ma è meglio così, meglio una foto anonima di una Varese grigia, vecchio e nuovo, palazzi e il campanile del Bernascone. Mi allontano, non ho il coraggio di avvicinarmi. L'uomo si chiude la patta e torna nel suo soffrire. 

Pomeriggio a Varese: graffiti

                                                                          foto carlozanzi



Quindi, per rimanere sulla faccia scura della luna, viaggio fra i graffiti varesini, colorata bruttura in pieno centro, dalle edicole alle banche, dai palazzi al mio amato vicolo Canonichetta. La bella e ordinata Varese ha il trucco da ricomporre.

Pomeriggio a Varese: luci della ribalta

 
                                                                                       foto carlozanzi

Infine le luci e la bellezza della Sala Napoleonica alle Ville Ponti, per la serata finale del Premio Chiara. La bella Claudia Donadoni dà il via alle danze letterarie, con i tre autori finalisti (da sin. Sandro Bonvissuto, Mauro Corona e Marco Vichi) a contendersi il bel gruzzoletto finale del Chiara 2013. 
Un pomeriggio varesino, fra la festa e il dolore, la pulizia e la sporcizia. 

sabato 26 ottobre 2013

La chiave




Ieri sera ho visto alla tele, credo, il mio primo film di Giovanni Brass detto Tinto, un film del 1983, quello che è considerato il migliore del regista erotico, LA CHIAVE. Protagonista una pessima attrice ma una gran bella donna: Stefania Sandrelli.
Che dire? Il sesso è argomento assai delicato. Quando si decide di mettere in piazza ciò che normalmente resta nel segreto (nel segreto di una camera o nel segreto della mente, in desideri mai realizzati) si corrono molti rischi. Tinto Brass ha deciso di correrli dal 1983 in avanti, ottenendo a volte buoni riscontri di pubblico al botteghino (è stato il caso de La chiave) ma dividendo i critici e creando malcontento sia fra le femministe che fra le persone dalla morale ben consolidata.

La bugia




Non alludo qui alla bugia intesa come il silenzio rispetto ad una frode, ad un'amante, ad un misfatto più o meno grave (che ovviamente non è una bugia di tutti), parlo qui della bugia universale, silenzio che ciascuno di noi è costretto ad imporsi, perché il vissuto che genera tale bugia è inaccettabile persino per chi lo vive. E' la bugia che protegge la nostra disumanità, capace di allontanarci dall'evangelico 'gioite con chi è nella gioia, piangete con chi è nel pianto', regalandoci freddezza quando non l'esatto contrario, la gioia con chi è nel pianto, il dolore con chi è nella gioia.
Questa salutare bugia ci permette di masticare amaro e di camminare nel silenzio, alla ricerca dell'umanità perduta: non si sa quando, non si sa per colpa di chi. 

Da don Pino a don Carlo



Tanti anni fa entrò parroco a Biumo Inferiore don Pino Tagliaferri. Domani, domenica 27 ottobre, farà il suo ingresso ufficiale, solenne in Biumo don Carlo Garavaglia, nuovo parroco, grande amico di don Giussani. Ore 15.30 ritrovo nella chiesetta della Madonnina in prato (foto), quindi corteo per via Garibaldi e alle ore 16 Santa Messa solenne in chiesa parrocchiale, celebrata dal prevosto don Gilberto Donnini, che credo sia monsignore.
Non conosco don Carlo, ma il nome già è un buon viatico. So che è stato per 18 anni a Gallarate. Se non ci sarò domani, i miei auguri arrivano da qui. 

Gran finale del Premio Chiara



Comincia oggi la kermesse varesina dei tre scrittori finalisti del Premio Chiara 2013, Sandro Bonvissuto, Mauro Corona (in foto) e Marco Vichi. Oggi, sabato 26 ottobre, ore 17.15, alla Biblioteca Cantonale di Lugano, mentre domani, domenica 27 ottobre, dapprima firmacopie alla Libreria del Corso (ore 11), infine nella Sala Napoleonica delle Ville Ponti, dalle ore 17.15. 
I tre autori verranno intervistati da Andrea Vitali, conduce la bella Claudia Donadoni.
Chi vincerà? Non ho letto i libri. Certo, il barbuto Corona è il più noto dei tre, ma il Premio Chiara ha già dimostrato che la notorietà non basta. Il voto decisivo viene infatti da una giuria popolare.

venerdì 25 ottobre 2013

30 anni insieme...per Haiti



Domenica 27 ottobre, ore 20.45, chiesa Kolbe. In occasione dei 30 anni della parrocchia Massimiliano Kolbe del viale Aguggiari, CONCERTO CORO GIOVANI e ORCHESTRA DELLA CAPPELLA MUSICALE KOLBE, con i maestri Andrea Gottardello all'organo (foto) e Riccardo Bianchi nella direzione.
Ingresso libero. Offerte raccolte per Haiti.

Campestre Vidoletti-classifica 3 maschi



CLASSIFICA CAMPESTRE TERZE MASCHI
1-MARCORA IVAN            3F  5’43”
2-FERRARIO ALEX           3 A 5’46”
3-PULTRONE DOMENICO       3B  5’51”
4-MACCHI LEONARDO         3I  5’59”
5-PIROTTA MATTEO          3C  6’04”
6-MAGOGA JACOPO           3G  6’12”
7-CARACCIOLO PIETRO       3F  6’20”
8-GRASSI LUCA             3G  6’21”
9-BORZONE TOBIA           3F  6’22”
10-SACCHETTI GIACOMO      3 A 6’29”
11-MOGNON ALESSANDRO      3B  6’30”
12-ESPOSITO LUDOVICO      3 A 6’31”
13-GARDELLI RICCARDO      3B  6’35”
14-BEZZECCHI ANDREA       3E  6’35”
15-GARBARINI GIOVANNI     3H  6’37”
16-CARCANO GIOVANNI       3D  6’41”
17-VERSINO MICHELE        3B  6’46”
18-GALLETTA GIACOMO       3G  6’55”
19-CARLUCCIO FILIPPO      3B  6’55”
20-PIZZI MIRKO            3I  6’56”
21-BISACCIA MARIO         3C  6’57”
22-ASTUTI ANDREA          3D  6’57”
23-NEGRI SAMUELE          3E  7’02”
24-CARUSO FILIPPO         3D  7’03”
25-DOGBO DANIEL           3D  7’09”
26-ROMANIELLO LUCA        3E  7’16”
27-TARTARI LORENZO        3D  7’18”
28-COLNAGO MATTEO         3C  7’19”
29-NEGRI SAMUELE          3G  7’20”
30-TREZZI RICCARDO        3B  7’32”
31-PAOLINI EDOARDO        3C  7’38”
32-MARE’ PIETRO           3F  7’41”
33-NARDI RAFFAELE         3C  7’43”
34-GIUDICI MATTEO         3D  7’44”
35-ALIBIN JOHN PAUL       3I  7’48”
36-SINISCALCHI DAVIDE     3D  7’48”
37-PETKOVIC SASHA        3H  7’52”
38-RICCA ANDREA           3H  7’53”
39-NOGARA VITTORIO        3H  7’55”
40-CIMINO DAVIDE          3E  8’02”
41-DI SANTO MARCO         3G  8’04”
42-LODI NICOLA            3G  8’05”
43-BESSEGHINI MARCO       3G  8’06”
44-GATTI MATTIA           3I  8’11”
45-FOGLIA LUCA            3 A 8’12”
46-IRMICI LEONARDO        3I  8’13”
47-RANIERI FILIPPO        3F  8’26”
48-MAZZA RICCARDO         3C  8’27”
49-PONCETTA ANDREA        3G  8’29”
50-D’ELIA MATTEO          3G  8’30”
51-BERNASCONI LUCA        3B  8’44”
52-GHEZZI LUCA            3F  8’46”
53-CHIARI STEFANO         3H  8’48”
54-NOGARA GIOVANNI        3H  8’53”
55-BISACCIA MATTIA        3C  8’58”
56-PECORA LUCA            3D  9’03”
57-FRANCALANCI PAOLO      3D  9’04”
58-BIANCHI GIANLUCA       3I  9’06”
59-ZOPPINI RICCARDO       3I  9’08”
60-SERRANO BRIAN          3E  9’48”
61-SPANARELLI STEFANO     3D  9’53”
62-DAINO ANDREA           3I  9’53”
63-RENNA ANDREA           2G  9’54”
64-ZAVATTARO MATTEO       3F  10’01”
65-SENATORE RICCARDO      3E  10’02”
66-DI PASQUA ANDREA       3B  10’06”
67-BEN HMIDA RASIL        3H  10’06”
68-MOSCATELLI DAVIDE      3 A 10’07”
69-BIANCHI EMANUELE       3 A 10’22”
70-GOTTARDI CHRISTIAN     3 A 10’31”
71-VIGANO’ FLAVIO         3F  10’52”
72-VARALLI MATTIA         3F  11’02”
73-ROMEO MANUEL           3 A 11’15”
74-ALIBIN JOHN MARC       3I  11’23”
75-PAPA KRISTJAN          2G  11’34”
76-BEN HMIDA LOVAY        3H  12’31”
77-BERTOTTILLI GIOVANNI 3 A-MALOTAJ FLORALD 3G 12’45”