martedì 30 aprile 2013

1 maggio 1981-1 maggio 2013




1 maggio 1981-1 maggio 2013: 32 anni, 11764 giorni.
Che dire? Avanti così, a Dio (e a Carla) piacendo

L'infelicità evitabile

                                          ombra di crocifisso                       foto carlozanzi



Ci sono infelicità che non dipendono da noi, drammi, dolori insanabili. Ma alcune infelicità le definirei evitabili, eppure mentre i drammi sono di pochi (per fortuna), queste seconde amarezze e sofferenze sono dei più. Nascono dall'insoddisfazione, che ci induce ad invidiare i cosiddetti personaggi famosi, ricchi: loro sì -pensiamo- sono realizzati, godono di una vita piena, non hanno rimpianti. 
Questo è, a mio avviso, un madornale inganno, un clamoroso errore di prospettiva. Noi siamo molto meglio di loro, perché oltre a svolgere mansioni importanti (ma dobbiamo crederci) non abbiamo né la gratificazione di molti soldi, né quella della fama, degli applausi, della pubblica invidia. Una donna che è moglie, madre, che va al lavoro, che si cura dei genitori anziani non ha nulla da invidiare a Madre Teresa di Calcutta. 

Il racconto del mercoledì




Primo maggio

Ecco, ora si è addormentata. E russa debolmente. Abbiamo pranzato con abbondanza, è festa, primo maggio, venerdì. Ha detto: “Mi è venuto un sonno..” e si è sdraiata, pancia in su, sulla cassapanca. Non lo faceva da almeno vent’anni, direi anche venticinque. Fra un mese e mezzo, il quindici giugno, festeggeremo i nostri primi trentadue anni di matrimonio.
Russa e non mi disturba, anzi, mi sta simpatica: ecco la garanzia che il nostro matrimonio non è un fallimento. Non dico sia perfetto. Odio gli sposi attempati che rilasciano dichiarazione del tipo: “Ci amiamo più di allora.” Oppure: “Vedete come è bella mia sposa?” E magari ha settant’anni. Dichiarazioni troppo cinematografiche. Che ostentano una perfezione inesistente. Lei è più brutta oggi di allora, del resto lo sono anch’io, quindi siamo pari. E a volte non è affatto simpatica, ma perché? La vita è sempre simpatica? Il matrimonio è vita, e se si vuole farlo durare una vita bisogna inserirlo in quella casella: gioia e dolore, bellezza e bruttezza. Del resto l’abbiamo promesso davanti all’altare: buona e cattiva sorte.
Lei dorme, vorrei sdraiarmi al suo fianco, assaporare il suo profumo e sfiorarla qua e là, baciandola senza svegliarla, ma la cassapanca è ad un solo posto, mi viene la sonnolenza e quindi decido di fare quattro passi. Lascio un biglietto, piccolo, un cuore con scritto torno subito, baci e il mio nome.
Esco. E’ una tiepida giornata di maggio, poche nuvole e un vento sobrio. Pochi passi e sono sul sagrato della chiesa parrocchiale, mancano pochi minuti alle quindici, vedo una gran ressa, tanti giovani, non mi sembra una messa, escluderei un matrimonio, chi si sposa di venerdì primo maggio? Mi avvicino e chiedo lumi. E invece sì, giorno di nozze. Vista la chiesa, non direi matrimonio comunista. Attendo. Mi indicano gli sposi, due sposi. Come? Un matrimonio doppio? Mi rispondono di sì, sono amici, tutti e quattro, amici insieme ad altri amici, tanti, una gran festa per la comunità religiosa di giovani di quell’oratorio. Ne ho sentito parlare, ne parlano bene. Il tarlo della curiosità mi trattiene. Uno dei due sposi, quello con più capelli, guarda l’orologio, parla con l’altro, le spose tardano ma non c’è apprensione. Ripenso a lei, che russa in cucina, sulla cassapanca; ripenso alle nostre nozze, pioveva, forse è stata quella la nostra fortuna. Ecco due auto bianche, utilitarie, direi davvero modeste, ecco le spose, gli sposi le accolgono, sorrisi, applausi e mughetti, si entra in chiesa. Li seguo o non li seguo? Guardo l’ora, sono le quindici e venti, ma sì, entriamo. Tanto ho lasciato il biglietto per lei. Entro, tanta luce e tanta gente, la direttrice del coro ha i capelli corti, l’organista è molto giovane, e anche la corale, tutti ragazzi. E fa una certa impressione vedere due coppie. Guardo ancora l’ora. Vorrei andarmene ma un indefinibile collante mi trattiene lì. Gli sposi hanno lo stesso vestito: ‘Ecco, in questo non sono stati affatto originali’ penso. Inizia l’omelia. Il prete è un tipo direi in carne, con pochi capelli, parla lentamente. Legge la predica. “…Bernanos diceva – Trovare la propria gioia nella gioia di un altro: ecco il segreto della felicità -……” Riguardo l’orologio. Non vorrei essere motivo di una infelicità. Se si sveglia, mezza intontita, e non ci sono, magari ci resta male. Vorrei gioire un po’ della sua gioia, non avere un nuovo rimpianto, altre scortesie da farmi perdonare. E lei non perdona tanto facilmente. E allora via, è tempo di tornare a casa. Di solito non prego, ma regalo ai novelli sposi una padre nostro veloce mentre mi alzo, esco e saluto la compagnia con un segno di croce maldestro. Il sole quasi mi acceca. Penso che si potrebbe andare a fare una passeggiata, io e lei, no, non mano nella mano, lei dice che fa ridere una coppia matura mano nella mano, non sono più ragazzini, meglio il braccio intorno alle spalle.
Farò come desidera. E’ il mio segreto.

lunedì 29 aprile 2013

Cambio gomme



"Tornerò a giocare. Devo solo cambiare le gomme."

Javier Zanetti

Fabio e Federica



Casualmente, la stessa sera, e cioè venerdì 3 maggio, si terranno in contemporanea a Varese due momenti per ricordare due ragazzi, Fabio e Federica, uniti da una morte prematura. Non so che utilità possano avere questi miei pensieri, ma a questo pensavo: nella assoluta tragicità dei due eventi, per Federica è ancora peggio, se c'è un peggio in queste vicende. Fabio è morto per una malattia senza cura, quindi uno può prendersela con Dio ma non con gli uomini; per Federica si è trattato di un incidente stradale, dove comunque si può ipotizzare una qualche responsabilità della libertà umana, oltre a quella -insondabile e misteriosa- di un Dio che davvero fatichiamo a riconoscere come Padre Misericordioso. Ma in entrambi i casi i genitori e i loro amici stanno dimostrando che dalla morte può nascere la vita. Per questo li ammiro.

Per ricordare Federica




Venerdì 3 maggio, alle ore 21, presso la chiesa parrocchiale di Casbeno, si terrà un concerto per ricordare Federica Colli, morta prematuramente anni fa in un incidente stradale. Si esibiranno il baritono Leo Nucci e l'Italian Opera Chamber Quintet. 
Ingresso libero. 
Prima del concerto, sul sagrato della chiesa, verrà benedetta un'ambulanza, acquistata con le offerte raccolte per ricordare Federica.

domenica 28 aprile 2013

Eurojackpot Cimberio in A2

                                                                                       foto carlozanzi




Grande festa ieri sera al PalaWhirlpool. 
La Eurojackpot Cimberio HS Varese basket in carrozzina è salita in A2, dopo solo due anni dalla rinascita di questa società, venuta alla luce nel 1984 e poi costretta, per ragioni economiche, a fermarsi. Grazie allo sponsor Cimberio e a tanti amici il basket in carrozzina è rinato. Pugni al cielo, sotto le luci del tempio del basket varesino. Bravi! 

Santa Caterina

                                                                                        foto carlozanzi



Oggi, 29 aprile, è Santa Caterina da Siena.
Auguri, Caterina!

Cimberio Varese-Scavolini Pesaro: 42-41 a metà partita

                                                                                        foto carlozanzi


Arrivo al PalaWhirlpool a metà partita, prima non potevo, e mi trovo i giocatori in fase di riscaldamento (foto) e un punteggio che mi allarma: 42 a 41 per noi, un solo punto di vantaggio. Come mai? Chiedo lumi agli esperti della tribuna stampa e mi raccontano di una Cimberio un po' molle in difesa, Dunston ben curato, quasi annullato, mentre gli altri hanno un super Crosariol. Bene Sakota, Mister tiro da 3. 

Cimberio Varese-Scavolini Pesaro: 60-57 dopo il 3° quarto

                                                                                          foto carlozanzi



Niente da fare, non riusciamo a scrollarceli di dosso, sempre lì attaccati Stipcevic e compagni, noi così così, con il nuovo acquisto Dejan Ivanov (foto) che pare tonico e sotto i tabelloni c'è, ma si capisce che è uno nuovo e deve amalgamarsi. Una bella tripla di De Nicolao ci porta sul 60-53 ma gestiamo male le ultime azioni e finisce il quarto 60-57. Altro sudore in vista.

Cimberio Varese-Scavolini Pesaro: 85-70 finale



Ogni partita ha il suol eroe, e nel match di domenica 28 aprile contro Pesaro l'eroe è lui, Dusan Sakota, sfocato nella foto, limpido e nitido in campo. Sono sue le due triple consecutive nel momento decisivo quando, a metà dell'ultimo quarto, siamo avanti di un solo punto(60-59) e l'impressione non è buona. Poi una tripla e poi un'altra e poi rimbalzi in difesa e un altro tiro da due in sottomano. Dove oggi non arriva Dunston, arriva Sakota. Poi molto bene De Nicola in regia, mentre Green prende fiato, e bene Banks e bene anche Cerella con due ottimi punti, bene qui bene là e alla fine si vince di 15. Non inganni il punteggio, è stata dura ma abbiamo vinto. Certo, non c'era Polonara, e anche se perdiamo la prossima, ultima di campionato, siamo in testa noi. Forza Varese!

3 maggio: inizia l'8° Memorial Fabio Aletti



Torna per l'8^ volta il Memorial Fabio Aletti. Fabio era un ragazzo come tanti altri, con la capacità di mettere la passione e tutto l'impegno di cui era capace per affrontare le sfide che si presentavano nella quotidianità della sua vita: nello studio come nello sport, nelle attività educative come in quelle caritative.
Il primo appuntamento è per
venerdì 3 maggio 2013
ore 21 Salone Parrocchiale di Piazza XXVI Maggio, a Biumo Inferiore.
Titolo della serata: UN'IDEA DIFFERENTE DI CONCEPIRE LO SPORT
Porterà la sua testimonianza Stefano Bizzozi, senior assistant coach della Cimberio Varese, presidente dell'associazione 'Sports around the world'.

L'Araucaria di via Vico

                                                                                     foto carlozanzi



Ecco un altro esemplare di Araucaria, l'Araucaria di via Vico. Non sono un esperto, ma mi pare abbia subìto un intervento di potatura piuttosto deciso.

Don Pino da Pagnona




Un foglietto spiegazzato portato da mia padre mi comunica che oggi, domenica 28 aprile 2013, la parrocchia di Biumo Inferiore è in festa, per i trent'anni di permanenza da parroco di don Pino Tagliaferri, 'montanaro' di Pagnona, uno fra i sacerdoti più noti e sorridenti di Varese. Io c'ero lì, a Biumo, quel giorno di primavera del 1983 e ricordo molto bene il giovane, aitante don Pino, giunto a sostituire il mitico, preconciliare don Felice Guglielmetti. 
Auguri, caro don Pino.

Ma in fondo Grillo lo capisco



Ma in fondo Giuseppe Grillo detto Beppe lo capisco. Io che ho un blog con qualche lettore, posso comprendere la sua esaltazione. Il suo blog è visitato da migliaia, milioni forse di lettori, come non montarsi la testa? Come non immaginare che le sue ricette siano davvero la panacea di tutti i mali? Tutti a leggere le sue previsioni, i suoi oracoli, le sue condanne. Tutti ad immaginare vie verso la salvezza mondiale. E poi, da ultimo, anche piazze piene. Difficile non perdere il senso della realtà con simili carezze. Difficile, ad un certo punto, rinsavire ed accontentarsi del tanto già avuto. Come uno che gioca, vince e non smette e poi perde tutto. 
Grillo sta correndo questo rischio. 

sabato 27 aprile 2013

La maglietta della salute



Stamani, nel dormiveglia, mi è tornata un'immagine di mia mamma Ines, che raccomandava a noi bambini: mettete bene la maglietta dentro le mutande. In tal modo evitava che prendessimo freddo al pancino. Così ho pensato alla maglietta della salute. Sono sempre stato un fautore di questo capo intimo, a mezza manica e di lana in inverno, poi canottiera (sempre di lana) nel cambio di stagione, poi mezza manica e canottiera di cotone, e solo in estate niente maglietta della salute. Ebbene, ultimamente (e contrariamente a ciò che capita, procedendo nell'età) non uso più la lana in inverno, e a primavera tendo a non mettere più nulla. Mi pare un buon modo di affrontare il futuro.

in foto: Umberto Bossi quando, vent'anni fa, poteva permettersi la canottiera.

Un ministro in salute



Sebbene di parte politica opposta alla mia, non posso nascondere una naturale simpatia verso il neoministro della Salute, Beatrice Lorenzin. In tutta sincerità mi farei curare da lei!

Enrico, l'affidabile



Così, come prima impressione, senza che sappia molto di lui, Enrico Letta, nuovo premier italiano, mi sta simpatico. Mi pare un tipo affidabile, sincero (per quanto si possa esserlo in politica), serio, capace, preparato, con una lunga militanza nel settore. Conosco poco i 21 ministri, diciamo che il più antipatico (dal mio punto di vista) è Angelino Alfano: ricordo una pubblicità di un dentifricio, tanti anni fa, con Virna Lisi, e alla fine si diceva: 'Con quella bocca, puoi dire ciò che vuoi.' Ebbene, Angelino, con quella bocca, non può dire ciò che vuole, meglio la apra con parsimonia. 
Sette donne, volti nuovi, un discreto cambio generazionale, ammesso anche dal severo Vendola: Enrico ha preso il bilancino e ha fatto un buon lavoro, del resto la politica è una ponderata, centellinata spartizione del potere. Beppe Grillo si agita, imbufalito: 'Nemmeno la presidenza della Commissione di Vigilanza della Rai ci hanno dato!' Ben gli sta. La prossima volta si allei con il Pd.

Il mio nuovo capo: Maria Chiara



Bè, almeno è carina. Ecco il mio nuovo capo, cioè il Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca del neogoverno Letta. Si tratta di Maria Chiara Carrozza (mai sentita), non avrà più di 45 anni, si è laureata in Fisica nel 1990, è di Pisa come Letta, è rettore e professore ordinario di bioingegneria industriale alla Scuola Superiore Sant'Anna. Buon lavoro, cara Maria Chiara.

Sestero and Greensleaves



Venerdì 3 maggio 2013, ore 21, Cinema Teatro Vela di via Silvestro Sanvito 105, è in programma un concerto benefico del ben noto coro gospel varesino Greensleaves Gospel Choir, diretto dal mio amico Fausto Caravati.
La serata, organizzata da Sestero (dei miei amici Bof , Gianoli e Zanini), prevede una libera raccolta di soldi a favore di Apd Varese, La Finestra Malnate e Mondo d'Amore dialisi Tradate. Per info: sestero@email.it

Vento che brucia la pelle

                                                                                          foto carlozanzi


Vento che brucia la pelle
ed accarezza l'anima,
vento caldo che arde la pianura
vento che attraversa le gole
e inaridisce i campi,
vento che spalanca i cancelli,
fiume e passione senza argini
che spegne e suscita e scuote
nel pomeriggio confuso di aprile.

Arnaldo Bianchi





venerdì 26 aprile 2013

A volte resto sbalordito

                                                                                             foto carlozanzi



A volte resto sbalordito di come gente della mia 'veneranda' età, o addirittura più vecchia, si sorprenda che ad aprile il meteo, alle nostre latitudini, sia estremamente variabile: due giorni d'estate, due, tre giorni d'autunno, un cielo lindo, un cielo plumbeo, si va in canottiera, e poi bisogna recuperare la giacca a vento. Possibile che l'esperienza non insegni nulla? Da noi marzo, aprile e maggio (ma soprattutto aprile e maggio) sono assolutamente inaffidabili
Godiamoci il sole quando c'è, immaginiamolo quando manca, ma basta occhi sorpresi! 

Accadde...un anno fa


Domenica 29 aprile 2012 – pioggia, variabile, scrosci
Provvidenziale e meritata vittoria della Cimberio basket Varese contro la Vanoli Cremona, 78 a 66 stasera al PalaWhirlpool, che regala con qualche giornata di anticipo la matematica certezza dei play-off. E play-off meritati anche dal Varese calcio, dopo l’ultima vittoria in trasferta per 1 a 0.

Lunedì 30 aprile 2012 – variabile, pioggia
Acquistare 1000 banconote da 20 euro a 300 euro è un buon affare: peccato che le banconote, acquistate a Napoli da un 27enne di Busto Arsizio, sono risultate rigorosamente false, e per il giovane si è aperta la strada verso il carcere. La scoperta è avvenuta dopo aver trovato denaro falso nelle mani di una prostituta, da lì si è risaliti ai clienti e quindi all’uomo, assiduo frequentatore del sesso a pagamento. Non si esclude che il 27enne abbia utilizzato quella somma anche per altri pagamenti.

 MAGGIO 2012

Martedì 1 maggio 2012 – pioggia, coperto
Un freddo primo maggio, una festa del lavoro caratterizzata da incertezza e paura per il futuro. E si ingarbuglia anche il futuro della Lega Nord, perché proprio oggi Umberto Bossi fa sapere fra le righe che intende ricandidarsi come segretario, al Congresso Federale di fine giugno. Per Bobo Maroni non è una sorpresa gradita.

Mercoledì 2 maggio 2012 – coperto, variabile
Data al 1609 il primo cannocchiale, che permise al genio Galileo Galileo di rimirar le stelle, i pianeti e le meraviglie del cielo con maggior agio. Federico Bellini, appassionato della materia, nel 2009 ha realizzato un cannocchiale del tutto simile a quello di Galileo, e domenica prossima, dall’alto del Campo dei Fiori, i varesini potranno prenderne visione. Peccato che le previsioni meteo non siano affatto benevole, e si vedranno dalle lenti soprattutto pioggia e nuvole.

Giovedì 3 maggio 2012 – sereno
Finalmente una convinta giornata di sole, che favorisce due manifestazioni sportive studentesche, le finali Regionali dei Giochi Sportivi Studenteschi di canottaggio a Corgeno, e le finali provinciali di atletica leggera categoria ‘cadetti’ (seconda e terza media), ottimamente organizzate dal prof. Alvaro Di Federico a Cairate.

Venerdì 4 maggio 2012 – sereno, variabile
Sofferta decisione ieri sera in Consiglio comunale a Varese, in merito al contestato posteggio a Villa Augusta. Ieri l’approvazione definitiva, con urla e minacce da parte di alcuni cittadini presenti in Salone Estense. Si teme altra perdita di spazio verde, mentre i fautori dei posti auto fanno notare che quella zona è diventata invivibile, è un immenso parcheggio, c’è grande fame di posti auto.

Sabato 5 maggio 2012 – pioggia, coperto, grandine, pioggia
Consueto raduno al Sacro Monte, con il cardinale Angelo Scola, dei preadolescenti di tutta la Diocesi, oltre 4000 presenze lungo la rizzàda, colori, canti e preghiere. Per fortuna la violenta grandinata che si è abbattuta sulla città nel tardo pomeriggio ha risparmiato i ragazzi, già sulla via del rientro alle loro case.

L'araucaria del Palaghiaccio

                                                                                       foto carlozanzi


Sempre sollecitato dal bel libro di Daniele Zanzi e Carlo Meazza, 'Alberi & Varese', continuo nella ricerca dei grandi alberi varesini. Ed eccoci alla Araucaria del Palaghiaccio. Si tratta di una Araucaria Araucana, detta anche Puzzle della scimmia. Ero rimasto colpito da questo nome di pianta perché anni fa, in Consiglio comunale a Varese, avevano a lungo discusso di una araucaria, malpotata non so in quale villa della città. 

Nonno Maniglio



Scopro su VareseNews che il mio caro amico giornalista (in pensione) Maniglio Botti (a sinistra, insieme a Fiorenzo Croci) è diventato nonno. Molto bene! E' nato infatti Giovanni, figlio della figlia Lucia e di Stefano. Evviva! Bravo Maniglio...e adesso via, a fare il nonno!

Don goleador




Torno un attimo a San Marco, perché non posso non abbracciare il mio amico don Marco Galfrascoli, già guida spirituale del Varese calcio, già prof. di religione alla Vidoletti, parroco ad Olginasio eccetera eccetera...grande tifoso del Torino... ma soprattutto un grande goleador, che ha regalato a Dio il suo talento calcistico, indossando l'abito talare. Se n'è andato troppo presto e con troppa sofferenza. Caro don, come sai ho preso spunto da te per uno dei protagonisti del mio nuovo lavoro letterario. Grazie. Ma grazie soprattutto del tuo esempio. w don Marco.

giovedì 25 aprile 2013

Il test del tubetto di dentifricio



Questo test non è valido per i single.
Quando finite il tubetto del dentifricio, che fate? Fate finta di niente, o andate premurosamente a prenderne un altro, affinché il resto della famiglia abbia di che sbiancarsi i denti? Se siete nella prima categoria, ohimè, davvero a lungo dovete camminare, per meritarvi il regno dei cieli.

ps questo test mantiene la sua validità anche per i rotoli di carta igienica, per il caffè eccetera

Ma qual è il calcio delle donne?



Oggi passavo vicino ad un campetto da calcio spelacchiato, poca erba e tanta terra. Il ricordo della mia passione per il calcio mi ha travolto come una valanga. Forse dai tempi dell'asilo, ma sicuramente dalle elementari il calcio è stata fra le mie passioni più viscerali. Come tutti i bambini, del resto. E così ho steso l'elenco dei miei campi da calcio, almeno di quelli più significativi: asilo Veratti, aiuola di casa mia, cortile in sassi di casa mia, campi di Vilminore di Scalve e altri dei miei anni di colonia, oratorio 'Molina' di Biumo Inferiore (il più gettonato), oratorio di Bizzozero, campetto vicino alla torre di Velate, prato in erba del castello di Belforte, altro prato sulle rive del maleodorante Vellone, vicino alla casa dell'amico Dino (non ricordo il nome, so che per la prima volta lì ho visto scappare, al nostro arrivo, una coppia in camporella), per concludere la mia mai nata carriera nel campetto dei miei amici Alberti. E mi chiedevo: 'Le donne? Qual è il corrispettivo del nostro calcio per le donne?' Non ho trovato risposta.  

mercoledì 24 aprile 2013

Quattro stagioni

                                                                                                foto carlozanzi




Che bella la nostra zona, con le sue quattro stagioni ben definite, ciascuna con i suoi aspetti positivi, i suoi colori, le sue ripetitive novità. E che bello il nostro cielo d'aprile, colori vivi, vento tiepido che poi s'arrabbia, cieli sereni e nuvole come panciute pennellate di bianco. 

Vent'anni, caro Elio




Buon compleanno, caro Elio. Il 25 aprile del 1945 festeggiavi i tuoi primi vent'anni. Chissà che festoso compleanno hai vissuto.

Auguri, Marco



Auguri ai tanti Marco che conosco, ed in particolare a mio fratello Moch detto banjoman (eccolo a destra, con Ronald Martin detto Ron).

Mettete delle bici




25 aprile 1945-25 aprile 2013: mettete delle bici nei vostri cannoni

La salita al San Martino

                                                                                                foto carlozanzi



La salita in bici al Monte San Martino è una delle salite più impegnative delle nostre terre prealpina. Non è molto frequentata, vuoi per la lunghezza, vuoi per la strada non proprio perfetta, soprattutto negli ultimi chilometri. Ma quando si arriva alla chiesetta (vedi foto) la soddisfazione non manca. Partendo da Cuveglio, i primi chilometri, diciamo i primi venti minuti sono stupendi, si sale con gradualità, bella strada, ottimo panorama della Val Cuvia che si affossa. Ma arrivati a Duno comincia la fatica. Anzitutto il cosiddetto muro di Duno, un chilometro con pendenze aspre. Se non si hanno rapporti adeguati, si rischia di mettere il piede a terra. Poi altri chilometri duri, sino al tornante a sinistra, con ampio piazzale sulla destra. A quel punto gli ultimi 10-15 minuti sono fattibili, ma le gambe risentono dello sforzo. Infine il breve ma insidioso strappetto finale. Chi riesce a farla in 60' può ritenersi soddisfatto. 

Il mio omaggio ai martiri del San Martino



Stamani, 24 aprile, sono andato a rendere doveroso omaggio ai martiri del San Martino, risalendo in bici le rampe che conducono alla chiesetta (foto), sul culmine del monte che domina la Val Cuvia. Ci vado una volta l'anno, di solito quando si avvicina il 25 aprile oppure in ottobre, in autunno, perché dal 13 al 15 novembre del 1943, su quelle cime, venne combattuta una delle battaglie più drammatiche e gloriose, nell'ambito della lotta al nazifascismo nella nostra provincia. Salgo in silenzio, prego e penso, a tante cose ma soprattutto al sacrificio, di chi ha dato la vita e di chi, tantissimi, che hanno sofferto per difendere la nostra libertà, la nostra Patria. E ho scacciato, come mosche fastidiose, immagini recenti di inetti e meschini onorevoli, che a Roma infangano il sacrificio dei loro padri. 

martedì 23 aprile 2013

Ci si ritrova al Lazzaretto



Questa sera, mercoledì 24 aprile, ore 18.30, chiesa del Lazzaretto, Santa Messa per festeggiare nella preghiera il 25° di matrimonio degli amici Paola e Gigetto. Era il 23 aprile del 1988 (foto di Alberto Lavit), per me l'onore di fare il testimone di Gigetto, insieme al mio caro amico Gigi. Giusto qualche annetto fa.

Auguri, cara Matilde



Tanti auguri, cara Matilde...sei sempre con noi

Il racconto del mercoledì





Il tuffo
di carlozanzi


M’arrampico sopra la colonnina di cemento, alta più di me. E’ un pomeriggio di maggio, il giorno non lo so, so che frequento la terza elementare. Fa caldo, sono sudato eccitato. Impaurito. Salgo sul muretto e da lì m’arrampico sulla colonna quadrata, che in alto s’allarga in una specie di piattaforma. Il mio amico Luciano mi ha lanciato la sfida. E’ salito e ce l’ha fatta. Ora tocca a me. Nel tentare la scalata al blocco di cemento mi scivolano i piedi (calzo dei sandali con due buchi davanti, quattro occhi che mi guardano), striscio e torno giù in basso, mi sbuccio le ginocchia. Potrei mollare. Ma non mollo. Mi sputo sulle mani, mi passo le ginocchia ferite, strisciate rosse di poco sangue. Non è nulla. Si riparte.
Luciano si è rimesso in ordine la maglietta, Marco e Roberto forse fanno il tifo per me. Ora sono in cima, mi metto in piedi, mi gira la testa ma per pochi attimi. Dietro a me il vuoto, sul fianco destro la strada, sul fianco sinistro il cortile, davanti il mare verde della siepe, piccole foglie verdescuro al culmine di rametti rigidi, appuntiti. Più che un mare è un fiume, una stretta piscina. Io sono in piedi sul rigido trampolino che dovrà provare il mio coraggio. Un coraggio da terza elementare. Un coraggio irresponsabile e timoroso. So che mia madre non approverebbe, mio padre mi sgriderebbe ma con meno violenza. Mio padre capirebbe, almeno penso. Ma loro non ci sono, uno è al lavoro, l’altra è in casa e si fida di me. Non so, forse si fida o deve fidarsi per forza, non ha tempo né voglia di verificare il mio comportamento, sta annegando dentro una famiglia di tanti figli. Sta sudando dentro una vita che probabilmente immaginava diversa. Non so, non sono affari miei. A me spetta la prova, ora che mi sono arrampicato sin lassù e sei occhi mi guardano. Otto, perché anche i miei mi osservano.
Luciano dice: “Allora?” Roberto si sta grattando il pisello, Marco si mette la mano a visiera per ripararsi dal sole di maggio, convinto e brillante. Marco è il più piccolo del gruppo, credo che il suo cuore stia battendo forte almeno quanto il mio. O di più. Ma il mio si vede oltre la camicetta sporca, con due buchi e tanti piccoli elefanti marroni che camminano su un prato giallo. Ho paura di trafiggermi gli occhi (però basta che li chiuda), di graffiarmi la faccia (al che la mamma prima, il papà poi mi ‘graffierebbero’ ancora), ho paura di cadere oltre il materasso della siepe, di finire in strada o sui sassi tondi e lisci del cortile. Ho paura che mi sfottano. Sono il più vecchio dei quattro. Di pochi giorni, ma Luciano è più giovane di me e ora mi guarda con due occhi vigliacchi. Lui può solo vincere. Al massimo pareggiare. Io sono ancora all’inizio dell’avventura. Durerà un secondo, due, ma i piedi li devo staccare. Devo affrontare il vuoto. Devo volare. Non l’ho mai fatto da quella torre alta due metri. Luciano ce l’ha fatta. Non credevo fosse così in gamba. Il suo coraggio mi ha messo nei guai. Il suo gesto mi obbliga a seguirlo. Ci vuole un eroe per diventare eroi. Il quartiere lo saprà, nel bene e nel male. Il quartiere non può farsi beffe di me. E allora capisco che il pensiero mi sta tradendo. Più ci penso più il coraggio si nasconde, come una femminuccia che si ripara gli occhi da uno spettacolo sconcio. Il volo richiede dimenticanza.
Non penso più. Mi sbilancio verso la siepe. Mi pento ma non lo posso più fare. O spingo in avanti o cado come un goffo pollo spennacchiato. E allora spingo, allungo le braccia, chiudo gli occhi e mi preparo all’abbraccio pungente. Lancio un mezzo urlo stonato. Sento un crac di legno e di foglie, un lieve bruciore sul viso, alle braccia, alle gambe nude. Sprofondo e riemergo.
Marco batte le mani, Roberto dice “Ora lo faccio anch’io!”, Luciano mi guarda, sorpreso e ferito: “Sono stato più bravo io, perché sono stato il primo” dice “e ti ho smollato la siepe.”
“Non è vero” rispondo felice, “era più morbida quando ti sei tuffato tu. Mi hai fatto il buco.”
Luciano non sa cosa dire, dovrebbe darmi ragione, passa all’attacco: “Prendimi se ci riesci” e parte come il missile Tor. Roberto reclama: “Non guardate anche me?” Ma la sfida è lanciata. Il coraggio l’ho già dimostrato. Ormai nessuno mi ferma.      


Debora Serracchiani mi sta simpatica



Debora Serracchiani, neogovernatrice del Friuli Venezia Giulia, mi sta simpatica. Non è facile, per un politico, essere simpatico, soprattutto di questi tempi.

Auguri, Rosalba



Tanti auguri, cara Rosalba. Mi hanno detto che stamattina, in sala professori, c'era da mangiare, ma sono arrivato troppo tardi. Sarà per il prossimo anno!

Croce

                                                                                        foto carlozanzi





Croce
di Carlo Zanzi


Marchiata da una croce è la mia vita.

L'errore, il caso, il nulla o la scommessa
di andarmene con Te, appeso al legno,
fissano quella croce di montagna,
sempre disposta a spiegarmi ciò che muore.


Paola e Gigetto: matrimonio perfetto



Cari Paola e Gigetto, questa è una delle foto che ho sull'album di famiglia, scattata il 23 aprile del 1988, giorno del vostro matrimonio. Con voi le mie scatenate figlie Valentina e Maddalena. Sono passati 25 anni. Siamo tutti un po' più vecchi, ma non per questo meno felici. Auguri!

lunedì 22 aprile 2013

Effetto Napolitano



Il povero Giorgio Napolitano, oltre alla fatica di dover tornare sul colle (ma sono dell'avviso che il potere, comunque, esalta e ringiovanisce), è costretto a vedersi sbeffeggiato da molti, a motivo della sua veneranda età. Fra i molti, Marco Travaglio (come al solito) l'ha fatta fuori dal vaso, trattando Giorgio a pesci in faccia, dimenticandosi che diventerà vecchio anche lui. Io invece, che sono molto egoista e penso a me e non all'Italia, mi godo l'effetto Napolitano: Giorgio il bipresidente mi regala un grande elan vital, ha 31 anni più di me, spazzola via tutte le mie malinconie di quasi sessantenne, mi dimostra che si può vivere alla grande ancora tre decenni. Grazie, Giorgio! Gente come Travaglio, invece, con un ego vasto quanto l'universo, non ha bisogno di questi esempi: tanto lui non morirà mai.

A un passarin

A UN PASSARIN

Stamatina gh’evi nessün impegn
e sunt andai a Bèdar, par castegn;
l’eva bunura, e l’eva anmò un pù fosch
quand ma sunt inviaa dènt in dul bosch.
Né machin né moto: ünich frecass
l’eva quell di föi secch muvüü di pass,
ogni tant un quai culp, ma giò, luntan,
un caciadur, e pö ‘l buià d’un can.
E pö l’ha incuminciaa a cantà ‘n üsèll,
e ‘n’alt, e ‘n’alt, e ‘n’alt anmò…che bèll!
L’eva cumè sentì un cuncert da cant
cun tütt i vari coor spartìi in sü i piant:
i vus bianch in sül nuus, e pö i tenur
in sül pin, e in sül fò i àltar cantur.
Dò o tré volt ma sunt duvüü fermà
par mia fa frecass e par ‘scultà…
…   
Pam, pam! Dò s’ciupetaa, mia tant distant:
ul cantà l’è cessaa cumè d’incant,
l’è stai tütt un sbatt d’aal, un vugatà..
(sperèmm ca sian riüssii tücc a scapà).
Evi sbagliaa, parché dopu ‘n quai pass
ho vist quaicoss a mövas tacaa a’n sass,
l’ho cataa sü in di man: un passarin,
forzi un nuèll, tant l’eva piscinin,
l’ha sbattüü i aar ‘na volta püssee fort,
do gott da sangh süi diit, e po’ l’è mort…
Poar passarin, ‘sa t’hann sparaa da fa?
Da tì cusa speravan a mangià?...
Sa füssat stai ‘na quaia o ‘n piviun
podi capì, vèn föra ‘n quai bucun,
ma tì te ghe stett tütt in d’un cügiaa,
…chissà ‘sa vànzan dopu ‘vètt penaa.
Poar passarin, minüdar cuma sett
nissün l’avria mai pudüü vidett,
l’è staia la tò vöia da cantà
ca t’ha tradii…e la ta fai mazzà!
…  
In dul cuncèrt dul bosch, da sotta al nuus,
duman mattina mancarà una vuus.

Natale Gorini



A UN PASSERINO

Stamattina non avevo nessun impegno
e sono andato a Bedero, per castagne;
era mattino presto, e era ancora un po’ nebbioso
quando mi sono incamminato nel bosco.
Né auto né moto: l’unico rumore
era quello delle foglie secche mosse dai passi,
ogni tanto qualche colpo, ma giù, lontano,
un cacciatore, e poi l’abbaiare di un cane.
E poi ha cominciato a cantare un uccello,
e un altro, e un altro, e un altro ancora…che bello!
Era come sentire un concerto di canti
con tutti i vari cori divisi sulle piante:
le voci bianche sul noce, e poi i tenori
sul pino, e sul faggio gli altri cantori.
Due o tre volte mi sono dovuto fermare
per non far rumore e per ascoltare…
Pam, pam! Due colpi di fucile, non tanto distanti:
il cantare è cessato come d’incanto,
è stato tutto uno sbattere d’ali, un volare frenetico…
(speriamo che siano riusciti tutti a scappare).
Avevo sbagliato, perché dopo qualche passo
ho visto qualcosa che si muoveva vicino a un sasso,
l’ho preso in mano: un passerino,
forse un novello, tanto era piccolo,
ha sbattuto le ali una volta più forte,
due gocce di sangue sulle dita, e poi è morto…
Povero passerino, perché ti hanno sparato?
Da te cosa speravano di mangiare?...
Se fossi stato una quaglia o un piccione
posso capire, viene fuori qualche boccone,
ma tu ci stai tutto in un cucchiaio,
…chissà cosa avanza, dopo averti spennato.
Povero passerino, minuto come sei
nessuno avrebbe mai potuto vederti,
è stata la tua voglia di cantare
che ti ha tradito…e che ti ha ammazzato!
Nel concerto del bosco, sotto il noce,
domattina mancherà una voce.


Considero questa una fra le più belle poesie del mio amico poeta Natale Gorini. Non è una poesia allegra, ma la bellezza non sempre è legata alla felicità.


domenica 21 aprile 2013

Sciolto l'abbraccio



L'abbraccio è il modo più semplice e piacevole per ricercare l'unità. Sciolto l'abbraccio, tutto si complica.

La mia zia preferita




Ciao, zia Maria. Te ne sei andata il 22 aprile di qualche anno fa. Ricevetti la triste telefonata mentre andavo a Ranco, dal mio amico Francesco Ogliari, per le finali del premio letterario Museo dei Trasporti. Era una bella e fresca giornata di sole. Mi chiamavi 'bel muretìn simpàtic': non potevi non essere la mia zia preferita.

Auguri, padre Mauro



Sebbene con un giorno di ritardo (il tuo compleanno era ieri, 21 aprile), tanti auguri padre Mauro, vecchio 'baffo', uomo generoso. Un solo difetto: sei un grillino della primissima ora....ma nessuno è perfetto!

in foto: il mio amico padre Mauro Serragli, missionario comboniano in Uganda

Cremona-Cimberio Varese: 88-92 risultato finale

 
                                                                                             foto carlozanzi


E che festa sia. Sì, è l'anno buono, e anche a Cremona si vince, sfatando la malasorte. Ultimo tempo dove si prende il largo, arrivando anche a +11, ma loro non ci stanno e così rosicchiano il vantaggio sino ad un pericolosissimo 85-88 per noi a pochi secondi dalla fine. Poi arrivano, in sequenza, uno schiaccione di Dunston, una tripla fortunosa loro, un due su due dai liberi di Green e così è fatta. Forza Varese!

Cremona-Cimberio Varese: 65-65 dopo il 3° quarto

                                                                                     foto carlozanzi



Grazie all'amico Damiano di Varesenews ho qualche notizia della difficile partita in trasferta fra la Cimberio e Cremona, un campo spinato, duro da digerire. E anche stasera abbiamo la conferma. Equilibrio millimetrico. 24 a 26 per noi dopo il 1° quarto, 47 a 49 per noi a metà partita, 65 pari dopo il 3° quarto. Assente Polonara col gambone, non ho idea di cosa stiano combinando gli altri, certo non sfracelli stando al risultato. Ma Cremona in casa si esalta. Sperèm!

Classifica atletica seconde Vidoletti


in foto: Eleonora Alberti, 2c, figlia d'arte (sua mamma, Antonella Avigni, ex alunna Vidoletti, è stata azzurra del salto in lungo) ha vinto gli 80 piani in 10"64


CLASSIFICA ATLETICA SECONDA MEDIA RAGAZZE

1-BOSSI MARTINA              2 A              4.10
2-TALAMOLNA VERONICA          2E               3.55
3-SUSCO MICHELA               2E               3.50
4-ROVERA VERONICA             2E               3.50
5-MASOTTO ERIKA               2E               3.50
6-GUABELLO CECILIA            2 A               3.40
7-BOTTINELLI ALESSIA          2C               3.40
8-GRIMOLDI GAIA               2 A              3.37
9-INTROINI GIORGIA            2I               3.35
10-BREBBIA GIULIA             2B               3.30
11-CASATI GIULIA              2E               3.30
12-CIS MARIANNA               2E               3.30
13-PANIGADA LUDOVICA          2C               3.20
14-PONTI EMMA                 2E               3.20
15-FIORI CHIARA               2I               3.15
16-BIANCHI NOEMI              2G               3.10
17-OLDANI BEATRICE            2C               3.09
18-BINDA CECILIA              2E               3.00
19-FERIOLI ELISA              2G               2.80
20-SARTORELLI ALESSIA         2B               2.45
21-SOMMARUGA MARIACARMEN      2G               2.40
22-SICILIANO SARA             2G               2.10
23-CHIARULLI MARIACHIARA      2C               1.90

VORTEX FEMMINE
1-MELITA MANUELA              2D               34.30
2-MAFFINA MARTINA             2H               33.90
3-PAROLIN MONICA              2C               28.30
4-JACAZZI CHIARA              2H               26.20
5-DE PACE SILVIA              2I               22.90
6-MORGANTI VITTORIA           2C               20.00
7-PIATTI GIADA                2C               10.60

80 OSTACOLI RAGAZZE
1-COLOMBO FEDERICA            2 A              15”72
2-GAETANIELLO GIORGIA         2 A              15”97
3-CARLETTI ROSSELLA           2 A              16”30
4-GILLING BENEDETTA           2H               16”50
5-BUCCO MARTA                 2 A              18”51

VELOCITA’ 80 METRI
1-ALBERTI ELEONORA            2C               10”64
2-TRAVAGLINI MATILDE          2E               11”75
3-LODIN FEDERICA              2F               11”84
4-ZANZI ALICE                 2F               11”86
5-BESSEGHINI ANNA             2E               11”89
6-PONTI FRANCESCA             2G               12”27
7-VALLARANO CLARA             3F               12”48
8-CAMPBELL ASHLEY PRINA       2G               12”72
9-MIRABILI MONICA             2F               12”75
9-SIRONI VALENTINA            2F               12”75
11-PROTO ELEONORA             2B               12”96
12-ANDRIOLO SARA              2D               13”16
13-LANZI GIULIA               2E               13”25
13-FANTINI LETIZIA            2F               13”25
15-VEDANI ILARIA              2H               13”26
16-PUPULIN VALENTINA          2C               13”45
17-ARGERI MATILDE             2D               13”49
18-DOLCINO MARTINA            2I               13”75
19-FUSCO SARA                 2I                14”29
20-CONCILIO MARTINA           2H               14”87
21-OMAYMA BOUAZ               2I               15”14
22-GUARNIERI GIORGIA          2I               16”16

LANCIO DEL PESO 3 KG RAGAZZE
1-BONARIA RACHELE             2C               8.13
2-CALONI CAROLA               2C               8.06
3-GUEMAN KAREN                                 6.85
4-GORRI GIULIA                                 6.33
5-BETUCCHI SONIA              2C               6.24
6-GADISCO SILVIA              2B               6.08
7-DIMATTIA ILARIA             2B               5.51
8-BALIAN ANAHID               2D               5.41
9-DELLE COSTE MARTINA         2B               4.95
10-PELUSO FRANCESCA                            4.94
11-AZIZ SARA                  2D               4.92
12-TALAMONI VALENTINA         2D               4.88
13-REYES NICOLE                                4.79
14-FRANCESCHINI GIULIA                         4.63

SALTO IN ALTO RAGAZZE
1-GUABELLO MATILDE            2F               1.25
2-TESTA CHIARA                2G               1.25
3-MARE’ ALLEGRA               2F               1.20
4-DAL MAGRO VIRGINIA          2C               1.20
5-TIBILETTI LUCREZIA          2 A              1.20
6-BIZZOZERO ELISA             2 A              1.20
7-SCAGLIONI ELISA             2E               1.10
8-TEODOR ADELINA              2B               1.10
9-POLONI VIOLA                2B               1.10
10-PROCOPIO ASIA              2E               1.05
11-GANDINI VIOLA              2F               1.05
12-MARCHESI CHIARA            2H               1.05
13-LONGARI GIULIA MARIA       2B               1.00
14-BOLOGNINI FEDERICA         2B               -1.00

CLASSIFICA RAGAZZI SECONDA MEDIA
SALTO IN ALTO
1-PIROTTA MATTEO              2C               1.40
2-DOGBOP DANIEL               2D               1.35
3-BERNASCONI ALEX             2C               1.30
4-BORZONE TOBIA               2F               1.25
5-COLUCCELLI GIANLUCA         1 A              1.25
6-GARBARINI GIOVANNI          2H               1.25
7-BELLACCI MATTIA             2H               1.25
8-PIZZI MIRKO                 2I               1.25
9-DI SANTO MARCO              2G               1.20
10-NEGRI SAMUELE              2E               1.20
11-ESPOSITO LUDOVICO          2 A              1.15
12-SOLARI ANDREA              2E               1.O5
12-PONCETTA ANDREA            2G               1.05
14-ALLEN ALIGA                2B               -1.05

80 OSTACOLI
1-BEZZECCHI ANDREA            2I               13”58
2-VERSINO MICHELE             2B               14”81
3-CAMPO GIUSEPPE              2F               15”75

LANCIO DEL PESO 4 KG
1-GOTTARDI CHRISTIAN                           8.58
2-FRANCALANCI PAOLO           2D               7.62
3-CIMINO DAVIDE                                7.09
4-POLIZZI RICCARDO            2C               6.63
5-BOSETTI LUDOVICO                             6.20
6-DAINO ANDREA                                 6.19
7-BIANCHI GIANLUCA                             5.93
8-RANIERI FILIPPO                              5.89
9-POZZI GIACOMO                                5.79
10-ROSSI DANIELE                               5.63
11-VARALLI EMANUELE                            5.58
12-BERNASCONI LUCA            2B               5.54
13-CARCANO GIOVANNI           2D               5.48
14-CAMPIGLIO LUCA                              5.46
15-VITALI RICCARDO                             5.22
16-MACCHI LORENZO             2B               4.75
17-SHEH RAMIS                 2B               4.73
18-RENNA ANDREA                                4.64
19-BEZUSHKA ROMAN                              4.20
20-BUZZI MATTEO                                3.55

SALTO IN LUNGO
1-GATTI MATTIA                2I               4.10
2-BIOTTI SAMUELE              2C               3.98
3-BISACCIA MARIO              2C               3.80
4-TARTARI LORENZO             2D               3.80
5-TRIVINI FILIPPO             2H               3.70
6-NEGRI SAMUELE               2G               3.70
7-D’ELIA MATTEO               2G               3.68
8-ZUCCHI DAVIDE               2H               3.50
9-BARDOTTI ANDREA             2H               3.40
10-ZARPELLON JOE              2H               3.35
11-PETKOVIC SASHA             2H               3.20
12-SACCHETTI GIACOMO          2 A              3.10
13-CANNIZZARO ANDREA          2G               2.70

VELOCITA’ 80 METRI
1-POPO JUNIOR                 1B           10”74
2-GRASSI LUCA                 2G           11”12
3-CARUSO FILIPPO              2D           11”22
4-CARLUCCIO FILIPPO           2B           11”24
5-MAGOGA JACOPO               2G           11”36
5-PARIETTI LORENZO            2C           11”36
7-GARDELLI RICCARDO           2B           11”37
8-PAOLINI EDOARDO             2C           11”70
8-CARACCIOLO PIETRO           2F           11”70
10-ALIBIN GIANPOL             2I           11”99
11-MACCHI LEONARDO            2I           12”10
12-NARDI RAFFAELE             2C           12”18
13-ALIBIN JONMARK             2I           12”31
14-SINISCALCHI DAVIDE         2D           12”35
15-BESSEGHINI MARCO           2G           12”84
16-TAVELLI DARIO              2G           13”00
17-LODI NICOLA                2G           13”08
18-MAZZA RICCARDO             2C           13”40
19-RIVERA LEONARDO            2E           14”02
20-ZAVATTARO MATTEO           2F           15”77
21-PECORA LUCA                2D           16”10
22-SCARCELLA MATTEO           2F           19”37
23-POZZO ANDREA                            25”32

LANCIO DEL VORTEX RAGAZZI
1-TREZZI RICCARDO             2B           40.20
2-CASALE FRANCESCO            2B           38.90
3-COLNAGO MATTEO              2C           37.20
4-MARE’ PIETRO                2F           35.40
5-PAOLOZZI DAVIDE             1B           34.60
6-SPANARELLI STEFANO          2D           34.40
7-SERRANO BRYAN               2E           34.00
8-GENOVESE DANIELE            2C           33.30
9-NUMEROLI MATTEO             2C           33.00
10-NOGARA VITTORIO            2H           32.60
11-NAPOLITANO RICCARDO        2I           32.40
12-ZOPPINI RICCARDO           2I           31.60
13-IVANAI VINCENZO            2H           31.40
14-RICCA ANDREA               2H           31.30
15-CICERI MATTEO              2B           31.10
16-NOGARA GIOVANNI            2H           30.70
17-VACCA FILIPPO              2I           29.10
18-CURTO DANIELE              1 A          28.80
19-QEFALIA CHRISTIAN          2D           28.30
20-GIUDICI MATTEO             2D           26.90
21-DI PASQUA ANDREA           2B           26.10
22-GHEZZI LUCA                2F           25.10
23-PICCINELLI RICCARDO        2F           23.50
24-PIA ALESSANDRO             2F           21.40
25-IRMICI LEONARDO            2I           21.00
26-OLDANI MATTEO              2C           18.30
27-SENATORE RICCARDO          2E           14.40
28-VIGANO’ FLAVIO             2F           12.20
29-DELLA RAGIONE LEONARDO     2H           9.50